Storia di Roma - Le leggende

Storia di Roma - Le leggende

Romolo e Remo

(Sono vari gli scrittori che hanno raccontato la storia dei due gemelli)
Vicino le rive del Tevere, in una povera capanna, abitavano un vecchio pastore e sua moglie: Fą ustolo e aurenzia. Una sera Fą ustolo sedeva stanco sulla porta della capanna mentre Laurenzia, preparava lo scarso cibo serale. All’improvviso, dal bosco, s’intese un fruscio, e laggił, verso il fiume, un’ombra scura scivolą² fino alla riva…
Fałstolo pensą² di andare a vedere cosa fosse successo, disse alla moglie di aspettarlo e avanzą² cauto verso la riva del Tevere. Per le piogge recenti, il fiume era allagato nei campi ed il terreno era cosparso di larghe pozze di acqua. In una di quelle pozze, ai piedi di un albero, Fą ustolo vide una lupa enorme, sdraiata su un fianco e due bambini che si nutrivano del suo latte. Credeva di sognare. Si ritirą² pian piano, e torną² alla capanna dove inizią² a raccontare alla moglie incredula della lupa che allatava i due gemelli poi la prese per un braccio e la trasciną² fuori verso il fiume. Poco dopo i due piccoli trovatelli, riposavano al caldo, nella capanna di Fą ustolo e Laurenzia dove crebbero presto e in pochi anni diventarono due ragazzi forti, un pą² selvaggi ma buoni. Fą ustolo li aveva chiamati Romolo e Remo; ed essi lo rispettavano come un padre, ogni giorno si spingevano pił lontano dalla capanna, in cerca di nuove avventure…

Questa la storia dello scrittore Gustavo Brigante Colonna. La leggenda vuole invece che, una volta cresciuti,Romolo e Remo conobbero la loro storia, allora ritornarono ad Albalonga , punirono il crudele Amulio e liberarono il nonno Numitore . Ottenuto, poi, da lui il permesso, lasciarono Albalonga e si recarono sulla riva del Tevere, dove erano cresciuti, per fondare una nuova cittą . Ma chi dei due le avrebbe dato il nome?
Decisero di osservare il volo degli uccelli: avrebbe dato il nome alla cittą  chi ne avesse visti in maggior numero. La fortuna favorģ Romolo , il quale prese un aratro e, sul Colle Palatino , traccią² un solco per segnare la cinta della cittą , che da lui fu detta Roma . Era il giorno 21 Aprile, 753 anni prima che nascesse Gesł Cristo. La nascita della nuova cittą  segną², purtroppo, la fine della vita di Remo. Era stato stabilito che nessuno, per nessuna ragione, poteva passare al di lą  del solco senza il permesso del capo. Ma Remo, invidioso, oppure per burla, lo oltrepassą² con un salto e, ridendo, esclamą²: – Guarda com’č facile! – Romolo, pieno d’ira, si scaglią² contro Remo e, impugnata la spada, lo uccise, esclamando che chiunque avesse offeso il nome di Roma doveva morire. Romolo, rimasto solo, governą² la cittą  in modo saggio, poi un giorno, durante un temporale, egli scomparve, rapito in cielo dal dio Marte.

Il ratto delle Sabine

Una volta creata la cittą  c’era perą² il problema di popolarla: Romolo raccolse i pastori dalle zone circostanti, ma mancavano le donne. Come fare? Pensą² allora di organizzare una festa, alla quale invitą² i Sabini , con mogli e figlie. Mentre il festino si svolgeva fra canti e danze, ad un segnale convenuto, i giovani Romani rapirono le donne sabine e, armati di pugnali, misero in fuga gli uomini. Questi ritornarono, poco tempo dopo, guidati da Tito Tazio, re della tribł sabina dei Curiti, con l’intento di liberare le loro donne e di vendicarsi dell’affronto ricevuto. Una fanciulla, Tarpea, aprģ loro le porte della cittą : ma pagą² immediatamente il suo gesto con una morte atroce, infatti fu schiacciata dagli scudi dei Romani. Le generazioni future daranno poi il nome di lei alla rupe Tarpea, dalla quale diverrą  consuetudine gettare i condannati a morte. Penetrati a Roma, i Sabini si lanciarono contro i guerrieri nemici; ma appena inizią² la battaglia, le donne intervennero per ottenere un armistizio: molto fanciulle infatti, si erano gią  affezionate agli sposi romani e non potevano tollerare la vista di quella sanguinosa battaglia nella quale erano coinvolti i loro padri e i loro mariti. La vicenda ebbe cosģ una pacifica conclusione: Romolo e Tito Tazio regnarono in comune sulla cittą : Sabini Romani si fusero in un solo popolo. Dal nome della tribł di Tito Tazio, quella dei Curiti, derivą² poi ai Romani l’appellativo di Quiriti.

Enea

Circa tremila anni fa alcune navi, che da tempo veleggiavano sui mari in cerca di un approdo, giunsero in vista di una terra sconosciuta. Quegli uomini erano i soli riusciti a fuggire dal terribile incendio con cui, dopo una lunga guerra, era stata distrutta la loro cittą . Apparivano tristi e stanchi, per anni avevano dovuto vagare sui mari alla vana ricerca di un pą² di riposo e di un pą² di pace… Ed ecco ora davanti a loro stendersi una terra dall’aspetto sereno e accogliente. Giunsero in un luogo dove c’era un maestoso fiume che irrompeva in mare mescolando le sue tumultuose acque gialle con le onde azzurre. Cosģ quando il capo diede l’ordine, fu con vero entusiasmo che essi si accinsero a sbarcare…. Gli uomini che finalmente poterono toccare terra erano i Troiani, ed erano sbarcati nel Lazio, sulle rive del fiume Tevere guidati dal valorosissimo guerriero Enea . Egli, mentreTroia crollava sotto il furioso assalto dei Greci , era riuscito a trarre in salvo il proprio padre e il proprio figlioletto. Ma il padre era morto durante il lungo viaggio; gli restava solo il figlioletto Ascanio.

La vita e le imprese di Enea sono narrate meravigliosamente nel poema Eneide , scritto dal grande poetaVirgilio , noi qui riportiamo solo in parte quelli che sono gli episodi pił importanti per procedere nel racconto della fondazione di Roma. Gią  a quei tempi il Lazio era popolato da varie popolazioni: gli Etruschi, i Volsci, i Sabini, gli Equi, i Rłtuli e gli Ausoni. La pił importante popolazione, stanziata in un gruppo di cittą  organizzate nel territorio pianeggiante lungo le rive del Tevere, era quella dei Latini. I Troiani vennero subito in contatto con questo popolo e con il loro re, il saggio Latino. Egli li accolse con benevolenza, diede loro ospitalitą  e, qualche tempo dopo offrģ in sposa ad Enea la propria figlia Lavinia gią  promessa a Turno, re dei Rłtuli che scateną² una guerra per vendicare l’offesa ricevuta. Fu una guerra feroce, che si concluse con un lungo duello fra Enea e Turno, finchč quest’ultimo rimase ucciso. Seguģ un lungo periodo di pace, durante il quale Enea fondą² una cittą , Lavinium, in onore della sposa. Ascanio, il figlio di Enea, diventato grande, fondą² a sua volta la cittą  di Albalonga. Molti e molti anni dopo la morte di Ascanio, divenne re di Albalonga il buon Numitore. Egli aveva, perą², un fratello molto cattivo ed invidioso di nome Amulio, il quale avrebbe voluto regnare. Per raggiungere il suo scopo, fece imprigionare Numitore e costrinse Rea Silvia, la figlia di lui, a farsi sacerdotessa. Amulio poteva, ormai, considerarsi sicuro e tranquillo. Per molti anni, egli solo sarebbe stato il re. Poco tempo dopo perą² il dio Marte mandą² a Rea Silvia due gemelli, Romolo e Remo . Amulio, adirato, ordiną² che essi venissero immediatamente uccisi. Ma era destino che egli dovesse ricevere la giusta punizione! Il servo, incaricato del crudele compito, non ebbe il coraggio di commettere un delitto cosģ grave: pose, invece, i due fratellini in una cesta di vimini e li abbandoną² nelle acque del Tevere, con la speranza che qualcuno li salvasse. E la salvezza non tardą² a venire…


VEDI TUTTO

BEST OFFERS

VEDI TUTTE
JOIN OUR NEWSLETTER

DISCOVER ROME

ALLOGGIA DA NOI SE
DEVI RECARTI A...
RICHIEDI INFORMAZIONI!
* Nome e Cognome:
* E-mail:
Telefono:
Tipologia:
Data arrivo:
Data partenza:
Numero adulti:
Etą bambino 1:
Etą bambino 2:
Etą bambino 3:
Richieste particolari:
Campi obbligatori *
Via Deiva Marina, 30 - 00163 Roma | Tel. +39 06 66541438 | | E-mail: info@aureliagarden.it
Privacy Policy P.Iva 14003071009
Autorizzazione QD/2016/63440 del 04/10/2016
Credits TITANKA! Spa © 2015